Quel “copione” di Shakespeare