Il Comitato di Roma, oggi

Il Comitato di Roma ha ricoperto in passato e ricopre oggi un ruolo di sicuro rilievo nella vita culturale della Capitale.
Ciò, grazie ad un programma annuale di manifestazioni (i Martedì del Comitato di Roma) i cui punti di forza sono il “ciclo dantesco” (8/9 incontri con cadenza mensile, condotti da specialisti su aspetti di particolare interesse della biografia, della cultura, della spiritualità, del mondo poetico del “Padre della nostra lingua”) e quello di “storia dell’arte” nel quale l’attenzione ai grandi maestri e movimenti del passato si unisce all’interesse per le manifestazioni più innovative dell’arte contemporanea.
Altre offerte culturali di prestigio sono la presentazione delle novità librarie e i concerti tenuti da musicisti di chiara fama nazionale e internazionale.
Fra le scelte di fondo che caratterizzano la vita del nostro Comitato va, inoltre, segnalato il costante rapporto mantenuto con le scuole di Roma, per ottenere il prezioso contributo di dirigenti scolastici, docenti e studenti nel raggiungimento delle finalità istituzionali della “Dante” e coinvolgere le nuove generazioni in una presenza attiva nella realtà del Sodalizio. Per questo, la presidenza ha affidato da anni agli studenti la partecipazione del Comitato alla Settimana della lingua italiana nel mondo, attraverso la realizzazione di un evento multidisciplinare (poesia, musica, arti figurative, recitazione) rispondente al tema annualmente proposto dal MAECI (Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale).
Nel 2018, e precisamente il 9 febbraio, tale costante coinvolgimento di studenti delle scuole superiori e delle università è stato formalizzato con la costituzione del Gruppo Giovanile del Comitato di Roma.
Va anche ricordato che il Comitato di Roma, insieme con altri Comitati interni ed esteri, partecipa, dal 2008, con un proprio gruppo di lettura, alle votazioni per la scelta dell’ “autore della Dante” fra i dodici scrittori concorrenti al “Premio Strega”.

Infine, un’informazione di carattere giuridico: dal luglio 2015 il Comitato di Roma si è costituito in Associazione senza fini di lucro con propria autonomia fiscale, collegata alla Presidenza Centrale della Società attraverso una “Convenzione di affiliazione” che assicura la piena identità di intenti e promuove feconde sinergie tra le due parti.
La sua nuova denominazione è, infatti, Società Dante Alighieri – Comitato di Roma”.
Attualmente il presidente del Comitato di Roma è il prof. Giovanni Di Peio, eletto dall’Assemblea dei soci nel marzo 2013 e succeduto al prof. Vincenzo Pensato che ha retto la presidenza dal 1995 al novembre 2012.